Blog

7 errori da non commettere sul tuo sito web

7 errori da non commettere sul tuo sito web

Quando decidi di creare un sito web, o di rivolgerti ad una web agency per fartene cucire uno su misura, devi sempre considerare che esistono delle regole che dovrai seguire. Per rispetto nei confronti degli utenti che verranno a visitare il tuo portale, ma anche per il tuo brand e per il tuo business online: entrambi, infatti, potrebbero risentire in negativo di un sito fatto male. Ma quali sono i 7 principali errori da non commettere sul tuo sito web? Scopriamoli insieme.

 

1. Il mio sito non è responsive

Vuoi creare un sito web senza tenere minimamente in considerazione la navigazione da mobile? Allora stai cadendo in uno degli errori da non commettere sul tuo sito web. Il motivo è dovuto al fatto che oggi la navigazione da smartphone e tablet è un trend pressoché definito in Italia, al punto che la maggior parte del traffico su Internet proviene esattamente dagli utenti che navigano in mobilità con i suddetti device. Come se non bastasse questo, sappi anche che il responsive è un aspetto che influisce pesantemente sul tuo posizionamento sui motori di ricerca: Google, ad esempio, considera il mobile-friendly un fattore di ranking notevole, e favorisce i siti creati con un tema responsive.

 

2. Il mio sito non è organizzato a livello di contenuti

Quando un utente giunge sulla tua piattaforma, sente sempre il desiderio di personalizzare la propria esperienza, scegliendo da solo il percorso da compiere. Questa è una regola vecchia come Internet, ma che necessita di una specifica: tu dovrai essere sempre presente in qualità di guida invisibile e non fastidiosa, dunque dovrai fornire dei percorsi alternativi dotati di una struttura coerente e intuitiva. In altre parole, non potrai limitarti a sparare i contenuti in modo piatto e senza alcun ordine, piazzandoli sulla home alla rinfusa, ma dovrai creare sempre una struttura con priorità, definita da livelli in successione, da categorie e da sub-categorie. Ad esempio, se vendi accessori per animali domestici, un esempio di struttura coerente potrebbe essere data dal percorso: Home > Accessori > Cani > Collari per cani.

 

3. Il mio sito non ha una grafica 2.0

Uno dei peggiori errori da non commettere sul tuo sito web. La grafica è un tranello che fa inciampare tantissime aziende, perché dovrà essere curata e attrattiva, ma al tempo stesso non invasiva, non confusionaria e non preponderante sui contenuti. Questo significa che il comparto grafico del tuo sito deve catturare immediatamente l’attenzione del tuo utente, ma deve poi lasciare spazio ai contenuti e ai servizi che ospita, senza distrarlo o – peggio ancora – infastidirlo. La grafica, dunque, deve essere bella ma leggera, perché altrimenti rallenterebbe il caricamento delle pagine facendo scappare i tuoi utenti: evita le animazioni in Flash (oramai obsolete) e ottimizza sempre le immagini riducendone il peso in KB. E non commettere mai l’errore di utilizzare foto troppo complesse come sfondo della home.

 

4. Il mio sito è scomodo da navigare

A te piacerebbe entrare in un portale e non capire come raggiungere il tuo obiettivo? Ovviamente no, e lo stesso vale per i tuoi utenti. Quando crei un sito web, dunque, ragiona sempre sull’organizzazione di un menu chiaro, che non esageri con la struttura ad albero, e che non ospiti mille voci diverse: concentrati solo su quelle essenziali, che pensi saranno utili all’utente, e non al tuo egocentrismo. Quando avrai chiara la struttura del menu, concentrati sui link interni: fondamentali per consentire l’approfondimento dei tuoi contenuti, e dunque per aumentare il tempo di permanenza sulla tua piattaforma. Cerca di utilizzare i link per incuriosire il visitatore, o per spingerlo ad acquistare il servizio che offri, ma in modo naturale e mai forzato. Non usare mai animazioni di passaggio, che non fanno “figo” ma rallentano solamente la navigazione, e non utilizzare l’opzione “blank” per i link interni, perché potresti costringere l’utente ad aprire 70 schede diverse sul browser: ovvero uno dei peggiori errori da non commettere sul tuo sito web.

 

5. I miei contenuti non sono leggibili

Ricorda sempre che un sito web è un patto comunicativo, dunque deve rappresentare un compromesso fra il messaggio che vuoi inviare, ed i desideri di chi dovrebbe riceverlo. Questo significa mettere nelle migliori condizioni il tuo utente, agevolargli non solo la navigazione ma anche la lettura del testo delle tue pagine e dei tuoi contenuti. Se hai un’anima dark e un po’ cyberpunk, tienitela per te: i testi bianchi su sfondo nero, ad esempio, sono terrificanti da leggere. Allo stesso modo devi sempre usare un font chiaro ed una dimensione dei caratteri leggibile, e devi ovviamente formattare il testo utilizzando (se vuoi) il grassetto in modo intelligente. Infine, non scrivere mai blocchi unici di testo, se non vorrai farci sbattere sopra il grugno del tuo lettore: la suddivisione in paragrafi serve per allentare la presa degli occhi sullo schermo, per dare aria alla pagina, e anche per sottolineare certi concetti, cadenzando con delle pause la lettura ed i pensieri di chi ti legge.

 

6. Le mie pagine non usano le Call to Action

Qual è lo scopo di un sito web? Invogliare l’utente ad interagire con l’azienda o con il blogger. Questo perché abbattendo le distanze l’utente si sente coinvolto e tende ad appassionarsi maggiormente, o a fidarsi di più. E questa è una missione che può essere realizzata semplicemente aggiungendo delle Call to Action (richiami all’azione) in pagine o in punti strategici dell’articolo. Potresti ad esempio chiedere al tuo lettore di lasciare un commento, nel caso volesse esporti dei dubbi, oppure invitarlo a cliccare su un tuo link interno, qualora volesse approfondire un concetto. E se vendi servizi, non dimenticarti mai di guidarlo con i tuoi contenuti verso una Call to Action che lo spinga a richiederti un preventivo: sarà una promozione “morbida” e poco fastidiosa, perché prima gli avrai offerto delle informazioni utili e gratuite, il che potrebbe aiutarlo a fidarsi di te.

 

7. Il mio sito non ha un form per i contatti

Ed ecco l’ultimo degli errori da non commettere sul tuo sito web: l’assenza di un form di contatto. Quando cerchi di invogliare l’utente all’interazione o alla richiesta di un preventivo, non sperare mai che sia lui ad andarsi a cercare la pagina apposita: dovrai essere tu ad andargli incontro, inserendo un form sulla home (magari dopo avergli illustrato ciò che offri) oppure prevedendo un pulsante Call to Action che sia in bella vista. Infine, non complicare la vita al tuo utente con troppi campi da compilare: basta quello per il nome, per l’email, per il cellulare e ovviamente il campo per il testo.

Adesso che sai quali sono gli errori da non commettere sul tuo sito web, perché non ci contatti per richiedere un preventivo per la realizzazione di un sito professionale, che tenga conto di tutto questo? E se te lo stai chiedendo… sì, questa è una Call to Action!

Altri articoli che potrebbero interessarti